Gestire l'emergenza

 

Giacomo, 17 anni, frequenta l'indirizzo elettronica e robotica all'IIS Tito Sarrocchi di Siena e insieme ai suoi compagni si sta preparando per la RomeCup 2015, per partecipare alla sfida nella categoria Rescue.

 

 

I robot soccorritori (Rescue)
I robot soccorritori sono programmati per intervenire in ogni situazione di emergenza, dai terremoti agli attacchi terroristici. Camminano tra le macerie, salgono le scale e, grazie a sensori speciali, riescono a individuare le vittime. I Rescue Robot possono affiancare gli uomini nelle operazioni di soccorso più complesse. Nelle competizioni, il campo di gara è articolato su più livelli, collegati da un corridoio inclinato o rampa, con una pendenza inferiore ai 25 gradi e pareti di almeno 10 cm di altezza. Le dimensione delle camere e delle porte di accesso, così come i materiali di rivestimento (linoleum, moquette ecc.) sono definiti dal regolamento di gara. Il percorso da seguire (a labirinto) è una linea nera tracciata sul pavimento. Sul percorso i robot trovano diversi ostacoli, detriti, dossi ecc. che devono riuscire a superare per individuare e raggiungere la vittima da soccorrere (“zona rossa”). La gara ha inizio ponendo il robot all’ingresso della prima “stanza” e avviandolo manualmente. Il soccorritore deve esplorare le tre stanze in 8 minuti. Il percorso di gara è considerato concluso con successo se il robot riesce a portare la vittima nella zona di salvataggio (Evacuation Point), secondo il piano di evacuazione.