I robot creano lavoro?

Per alcuni economisti i robot ruberanno il 50% dei posti di lavoro. È vero?

 
Negli ultimi mesi alcuni articoli pubblicati su magazine che si occupano di tecnologia sono tornati a prevedere uno scenario futuro in cui robot ruberanno fino al 50 per cento dei posti di lavoro. Una posizione di segno contrario sostiene che l’industria robotica creerà milioni di posti di lavoro, soprattutto per figure qualificate, e tenderà a ridurre l’impiego degli uomini nelle mansioni più rischiose in termini di sicurezza. Il tema dell’impatto sul lavoro delle macchine prima e ora delle nuove tecnologie robotiche è questione conosciuta, che ritorna ciclicamente.
 
Sul blog Voice Over abbiamo aperto il dibattito e raccolto le prime opinioni, finora tutte di segno positivo: i robot creano lavoro. Sono posizioni articolate, argomentate, che contengono conto delle difficoltà e dei veloci cambiamenti, non sempre prevedibili.
 
 
Continueremo ad approfondire il tema anche con tutti i firmatari del primo Accordo di rete sulla Robotica educativa e nel corso della RomeCup (19-21 marzo 2014), perché la manifestazione diventi sempre di più una piattaforma multisettoriale di confronto aperto e la robotica un asse di sviluppo strategico per le politiche di smart specialization.